Racconti del mondo di Andor

Qualcuno canta una canzone, poco prima del cambio della guardia…

Polvere di stelle brilla nella notte argentea
Così lontana, dall’altra parte…
Verrai a parlare con me questa notte?
Ella non poteva raggiungerlo

Fu l’ultima ad averlo visto vivo
Fu portato via dall’ombra della luna
Egli passò preoccupato, avvertendola
Fu portato via dall’ombra della luna

Perso in un indovinello quel sabato sera
Lontana, dall’altra parte
Fu catturato nel mezzo di una lotta disperata
Ella non poteva raggiungerlo

Io resto, imploro
Ci vedremo di nuovo un giorno?
Resto, t’imploro
Ci vedremo nel cielo lontano?

Gli alberi che sussurrano nella sera
Fu portato via dall’ombra della luna
Cantano una canzone di dolore e sofferenza
Fu portato via dall’ombra della luna

Tutto ciò che vide fu la sagoma di una pistola
Lontana, dall’altra parte
Fu colpito sei volte da un uomo in fuga
Ella non poteva raggiungerlo

Io resto, imploro
Ci vedremo di nuovo un giorno?
Resto, t’imploro
Ci vedremo nel cielo lontano?

Erano le quattro del mattino
Fu portato via dall’ombra della luna
Ho scorto la tua sagoma formarsi
Fu portato via dall’ombra della luna

Le stelle brillano nella notte argentea
Così lontana, dall’altra parte…
Verrai a parlare con me questa notte?
Ella non poteva raggiungerlo

Rimango, e spero
Che ci vedremo nel cielo lontano
Rimango, e credo
Ci vediamo nel cielo un giorno
Ci vediamo nel cielo un giorno

Una stella brillava nella notte argentea
La notte era pesante e l’aria era viva
Fu portato via dall’ombra della luna
Fu portato via dall’ombra della luna

Dagli appunti di Basibos, Kardak, 20mo Giorno del decimo Mese, ciclo 1345

ore ?
Finalmente ci siamo fermati. Mi hanno fatto scendere da quello che sembra un carro. I ganghlia per fortuna mi aiutano a sentire, dato che i miei occhi sono coperti da una benda. MI hanno messo in una stanza, e oltre a me almeno due dozzine di altri Periferi, anzi no. Estranei. Siamo bloccati qui con questa Maschera che non ci permette di uscire. Ne ho contati almeno 4, ma chissà se nei piani superiori ce ne sono altri.

ore ? + 0.5 circa 
Le Maschere non sono proprio in salute, alcuni cadono a terra per pochi secondi come colpiti da spasmi di dolore, per poi rialzarsi. Nonostante questo, picchiano abbastanza forte con quei loro martelli. Hanno già colpito fino all’incoscienza una Furenter, quindi per ora meglio non indispettirli troppo. Dicono anche che ogni tentativo di fuga verrà punito con l’eliminazione di 10 di noi. Direi abbiamo 1 o 2 possibilità, chissà dove è il mio arpione….

ore ?+1 circa
Questa stanza è molto strana. Continua a far saltare fuori HAIDO, mentre a sinistra una porta si apre su uno scenario alquanto sinistro: sangue, catene e ganci. Non sono un esperto, ma una sala delle torture sono quasi sicuro di riconoscerla quando la vedo. Ne sono molto contento, ma come mai non la stanno usando con noi?
Ci sono altri EXIT con me, uno sembra intenzionato ad uscire fuori e vedere se riesce a fuggire. Io ho con me troppi bagagli e i miei studi, non posso certo seguirlo. Ma chi sono io per fermarlo. Nel caso lo scoprano per fortuna ho ancora tutte le mie protezioni con me sotto il mio poncho in Vix….

ore ?+2 circa 
Ancora non si sono accorti della fuga del nostro compagno. Forse. Perché qui qualcosa si sta muovendo. Le Maschere sono tutte agitate, continuano ad entrare e ad uscire da questa stanza di corsa, magari potessi capire qualcosa dalla loro espressione…. Comunque alcuni sono decisamente strani, quello che ci faceva le domande continuava a ripeterla con quella sua voce inespressiva fino a che non rispondevamo. 

Inoltre, queste maschere si vede non hanno proprio una cultura della scrittura, mi hanno fatto scrivere su dell’ottima carta con del semplice carboncino. Sono stato anche severamente ammonito quando stavo preparando il pennino e l’inchiostro. Incivili…. Comunque, le frasi erano molto strane, parlavano di aver ucciso una famiglia e un bambino, e di un Ala di Ferro che passava vicino una città Ne Mu Ji a Nord.

Poco prima del Tramonto (KARDAK)
Non sono riuscito a scrivere prima, ma la situazione è migliorata. Dalla stanza degli interrogatori qualuno ha disarmato una guardia e lì abbiamo iniziato la nostra fuga. A si, le maschere di ferro prendono fuoco e saltano in aria, comprese le loro armi. Sono sicuro che la tua faccia leggendo queste righe è uguale alla mia quando l’ho visto, lo so…

Comunque ci siamo addentrati in questi corridoi, e siamo stati infine raggiunti da un altro gruppo di Estranei. E io che pensavo ne eravamo pochi. Pare che questo gruppo stia cercando di unire tutti gli Estranei per capire cosa sta succedendo.

Per fartela breve abbiamo ammaccato un bel po’ di facce metalliche. Alla fine, hanno smesso di arrivare, non ho capito se perché ne avevano prese abbastanza o se qualcuno li sta ingannando con quella specie di comunicatore che abbiamo trovato. A si giusto, abbiamo trovato una scatola di metallo in cui ci parli dentro e poi ti risponde. Ma non la scatola, un’altra persone. E già. E non finisce qui.

Ho scoperto un nuovo Popolo Perifero! Ma solo un elemento. Sono interamente fatti di un materiale simile al ferro, hanno penetranti occhi rossi e pare siano divisibili tra corpo e testa. Non sono riuscito a capire se è una specie di legame simbiotico o se ad esempio è tipo i Ne Mu Ji, con un corpo e una testa che si uniscono per la vita. Comunque questo qui si chiama Androide e pare si occupasse dei giardini e delle fontane. Ci ha anche detto che l’acqua è contaminata, quindi non si può bere.

La struttura dove ci troviamo pare fosse una specie di campo medico o di ricerca per i più svariati scopi. Abbiamo trovato storie simili a quella del villaggio andato bruciato per colpa di un manipolatore, e pare che molti siano morti. Inoltre, pare ci sia un piano inferiore inaccessibile in cui sono prigionieri altri “sperimentati”. Ogni tanto ne esce fuori uno, e i Prana vedono di rimetterlo in sesto. 

Pare che aspetteremo domani per vedere se andarcene, quando il gruppo che ci ha aiutato tornerà. 


Notte (KARDAK)
Come se non bastasse che è notte, siamo in una zona corrotta. L’acqua sta andando sempre peggio a quanto dice Androide, mentre a quanto pare le Watashi girano anche di notte, e due sorelle furenter del gruppo di salvataggio sono state corrotte. Una è morta, mentre un’altra è diventata un estraneo. Un Druida pare abbia capito che il simbolo ESTRANEO quindi appaia per contrastare la corruzione in chissà quali casi.

Pare che GEA voglia che noi collaboriamo. Peccato che GEA non abbia tenuto conto che io so a malapena i nomi di questi Periferi…

21 giorno del 10 mese, ciclo 1345? 

Pranzo (KARDAK)
Avevo già scritto degli appunti, ma li ho persi tutti. E non perché sono distratto, ma perché mi sono appena svegliato da un sogno. Allora, ricominciamo. Ieri sera abbiamo trovato la leva di cui parlava Androide, l’abbiamo tirata ma forse era troppo tardi o non so, fatto sta che le impurità sono diventate troppe e pare che lo spirito della fonte si sia parecchio arrabbiato. Infatti, ci ha mandato degli spiriti a palesarci quanto non era contento. E fanno male questi spiriti, maledizione. Quindi diciamo abbiamo capito quanto stava male, e i Druida hanno fatto le loro cose per calmarlo. Poi abbiamo fatto un gigantesco cerchio dell’amicizia per una specie di rito, ma alla fine ci siamo tutti addormentati.

Al risveglio avevamo tutti una strana lettera in legno addosso e gli spiriti che prima ci volevano male ora ci volevano bene, e ci dicevano parole a caso. Abbiamo anche visto il Capitano delle maschere senza maschera (sembra un Solitor senza segni), e pare che il bambino di cui cerca l’assassino sia suo nipote direi. E la famiglia morta era quella di suo figlio pare. Comunque, non so se niente di questo sia vero, perché un certo estraneo di nome Dottor K ci ha detto che era tutto un sogno. Infatti, mi sono dovuto lanciare in uno specchio per svegliarmi. Si lo so, fa strano a me scriverlo figurati a te leggerlo.

Comunque, ora che siamo svegli pare dobbiamo sconfiggere definitivamente la Watashi, per purificare questo posto.

Ho anche conosciuto uno SKALD Solitor molto anziano, poverino è stato prigioniero così a lungo che non ricorda più storie e che ha perso tutti i suoi appunti. Gli ho dato uno dei miei pochi rilegati e un pennello e dell’inchiostro, ma in fondo lui ne ha bisogno più di me. Pare anche lui non voglia seguire questa “resistenza”, come me. Ha detto che se voglio verrà con me per ringraziarmi. Vedrò di accompagnarlo fino ad un luogo sicuro, ma non potrò portarlo con me per sempre. E’ molto anziano e stanco e vorrei evitare di mettere a rischio altre vite… spero di imparare molte storie da lui.

Tramonto
Ci stiamo separando. Abbiamo purificato la zona e sconfitto la Watashi. Le mie protezioni e il mio braccio se lo ricorderanno per un po’ quanto male faceva. Devo ricordarmi di ringraziare i Prana.

 E adesso molti stanno seguendo questo gruppo di Estranei impegnati a capire quello che sta succedendo. I miei migliori auguri. Io devo continuare la mia ricerca, poco importa che simboli porto addosso….

Burhanettin il Prolisso. Maktaba – Ciclo 1330

Guida Andoriana per Viaggiatori

“Salve lettore che hai trovato questo testo! Che tu sia un giovane Natus a cui piace osservare il cielo di notte da una finestra al sicuro dentro la tua casa, un Manipolatore che vuole trovare un senso all’energia che riesce a invocare prima di finire male per averla usata una volta di troppo, o un folle incosciente che ha deciso di porre termine precocemente alla propria vita viaggiando di notte, NIENTE PANICO, questa è la guida che fa per te!

Parliamo innanzitutto delle costellazioni che si possono osservare nel cielo sopra di noi, spero almeno questo tu lo conosca già no? Ma facciamo un veloce ripasso, per i meno informati. Innanzitutto ci sono le due coppie di costellazioni collegate, Il Fiume che si incrocia con Il Sentiero e Le Fauci che insieme alla Coda formano un imponente e terribile creatura.

Ci sono poi Il Guerriero, che protegge i cieli, e l’Ambasciatrice, figura leggendaria di cui non tutti credono dell’esistenza. Proseguiamo con il Crepuscolo, quelle due coppe non ti sembrano così bene in ordine come riposte dopo la cena? E infine le Lacrime, cosa mai avrà fatto piangere quella dolce fanciulla?

Bene, ora che ne conosci i nomi e le forme, parliamo di come si dispongono nel cielo. Al centro della volta celeste, durante tutta la nottata potrai notare la coppia de Il Fiume e de Il Sentiero, nel cui punto d’incrocio risplende sempre forte e luminosissima Il Fulcro, la stella più luminosa del firmamento che non fa parte di alcuna costellazione; se cammini sempre verso di lei prima o poi arriverai a Nord sui monti Aeland, ma chi lo farebbe mai, cioè se la vedi il sole è ormai calato, non arriveresti mai così distante vivo viaggiando di notte.

Sopra di te invece, a seconda dell’ora, potrai osservare una diversa costellazione. In un giorno medio di primavera, poco dopo il tramonto, potrai osservare spuntare le due coppe de Il Crepuscolo. Con l’avanzare dell’oscurità lasceranno il posto a L’ambasciatrice, poi verso le ultime ore, prima dell’arrivo della luce, passerai ad avere La Coda sopra di te e poco prima dell’alba noterai arrivare Le Fauci che concludono la notte prima di lasciare spazio al sole mattutino.

Questo cambia in un giorno d’inverno, in cui le giornate sono più corte e il buio più lungo. Al calar del sole si inizierà con Il Guerriero e si concluderà osservando l’alba mentre arrivano Le Lacrime nel cielo. L’opposto accade in estate dove per prima osserverai L’Ambasciatrice e finirà la notte nel passaggio tra La Coda e Le Fauci.

Ultimo dettaglio, non meno importante degli altri, è l’altezza delle stelle sull’orizzonte, perché si caro amico, che tu sia sugli Aeland o nella parti più basse di Koraka, le stelle non sono proprio proprio nella stessa posizione nel cielo! Stupefacente vero? Nella parti più a sud di Koraka potresti notare che Il Fulcro sembra essere molto più basso e vicino all’orizzonte, mentre sui monti lo vedrai ben alto nel cielo. Similmente accade per tutte le altre costellazioni ovviamente. Ecco, immagina di tracciare una linea sulla mappa (perché hai una mappa dei territori se vuoi viaggiare no, non vorrai mica farlo senza?) tra il centro di Tìr Nan e la nostra cara Maktaba, se ti trovi su quella fascia di territorio le costellazioni saranno esattamente sopra la tua testa, con Il Fulcro splendente davanti a te, incredibile vero?

Bene, se mi hai seguito fin qui ora certamente avrai capito come poter usare tutte queste informazioni per orientarti no? Dai ti faccio un piccolo esempio per farti capire. Allora se sei in Shenzhou e sopra di te c’è L’Ambasciatrice sai che per andare verso Tìr Nan, che si trova ad ovest, dovrai andare verso Il Crepuscolo, mentre per andare verso Koraka o Yagmur, a est, dovrai andare verso la coda. Cioè andare nel senso di aspettare il sorgere del sole in un posto molto molto sicuro dopo esserti segnato la direzione in cui andare quando sarà alto nel cielo, ovviamente.

Direi che ci sono tutte le basi di cui tu possa aver bisogno sulle nostre care stelle, per cui buona fortuna!”

L’exit alzo la penna dal foglio dopo aver finito di scrivere e si grattò un ganghlia pensieroso: “Ma, ora che ci penso, qualcuno leggerà mai queste cose?”